In offerta!

CARTOGRAPHY n.7

24,00 20,40

Il settimo numero di Cartography si apre con uno degli ultimi imperi nascosti del mondo, l’Etiopia, per lungo tempo sbarrato alla comunità internazionale. Un viaggio di nove giorni in quella terra misteriosa e ancestrale, dalla capitale Addis Abeba – “fiore nuovo” in amarico, alle popolazioni tribali della Bassa Valle dell’Omo, le comunità Mursi, Kara, Hamar e Nyangatom che vivono lungo il fiume. Il viaggio continua, dalle distese desolate della provincia maremmana all’isola Corsica, alla sua estremità settentrionale, nel Nebbio e nel Capo Corso: un ritiro estivo in un antico convento del XIII secolo per raggiungere una certa forma di beatitudine e operosità. C’è un grande emporio russo di alimentari all’estremità di Brighton Beach, in fondo a Brooklyn, fuori dalla fermata della linea Q della metropolitana, vicino al mare. Puoi trovare il caviale accanto alle bibite Monster Energy, le mele vicino all’aneto, lo yogurt greco a fianco di quelli con scritte in cirillico. Cambiando itinerario, recandosi in un quartiere nel quale di norma non si metterebbe mai piede ed esplorando c’è molto da scoprire. Quanto è diversa l’altra New York?

The seventh issue of Cartography opens with one of the world’s last hidden empires, Ethiopia, long barred to the international community. A journey of nine days in that mysterious and ancestral land, from the capital Addis Ababa – “new flower” in Amharic, to the tribal populations of the Lower Valley of the Omo, the communities Mursi, Kara, Hamar and Nyangatom living along the river. The journey continues, from the desolate expanses of the Maremma province to the island of Corsica, at its northern end, in the Nebbio and Capo Corso: a summer retreat in an ancient convent of the thirteenth century to reach a certain form of bliss and industriousness. There’s a big Russian grocery store at the end of Brighton Beach, at the end of Brooklyn, off the Q subway line, by the sea. You can find caviar next to Monster Energy drinks, apples next to dill, Greek yogurt next to those with Cyrillic writing.Changing route, going to a neighborhood in which normally would never set foot and exploring there is much to discover.How different is the other New York?

 

Disponibilità: 4 disponibili

Categorie: , Tag:

Cartography è una rivista indipendente dedicata alla cultura del viaggio. Ogni numero è centrato su tre destinazioni del mondo, esplorate attraverso fotografia documentaristica, testi e itinerari giorno-per-giorno.
Rivista di grande formato fondata nel 2016 da Paola Corini e Luca De Santis, Cartography Magazine è basata a Milano, distribuita in tutto il mondo e pubblicata due volte l’anno. “Partire è il nostro modo migliore per comprendere il mondo”. Il settimo numero di Cartography si apre con uno degli ultimi imperi nascosti del mondo, l’Etiopia, per lungo tempo sbarrato alla comunità internazionale. Un viaggio di nove giorni in quella terra misteriosa e ancestrale, dalla capitale Addis Abeba – “fiore nuovo” in amarico, alle popolazioni tribali della Bassa Valle dell’Omo, le comunità Mursi, Kara, Hamar e Nyangatom che vivono lungo il fiume. Il viaggio continua, dalle distese desolate della provincia maremmana all’isola Corsica, alla sua estremità settentrionale, nel Nebbio e nel Capo Corso: un ritiro estivo in un antico convento del XIII secolo per raggiungere una certa forma di beatitudine e operosità. C’è un grande emporio russo di alimentari all’estremità di Brighton Beach, in fondo a Brooklyn, fuori dalla fermata della linea Q della metropolitana, vicino al mare. Puoi trovare il caviale accanto alle bibite Monster Energy, le mele vicino all’aneto, lo yogurt greco a fianco di quelli con scritte in cirillico. Cambiando itinerario, recandosi in un quartiere nel quale di norma non si metterebbe mai piede ed esplorando c’è molto da scoprire. Quanto è diversa l’altra New York?

Cartography is an independent magazine dedicated to the culture of travel. Each issue is centered on three destinations in the world, explored through documentary photography, texts and day-to-day itineraries.
A large-format magazine founded in 2016 by Paola Corini and Luca De Santis, Cartography Magazine is based in Milan, distributed worldwide and published twice a year. “Leaving is our best way to understand the world”. The seventh issue of Cartography opens with one of the world’s last hidden empires, Ethiopia, long barred to the international community. A journey of nine days in that mysterious and ancestral land, from the capital Addis Ababa – “new flower” in Amharic, to the tribal populations of the Lower Valley of the Omo, the communities Mursi, Kara, Hamar and Nyangatom living along the river. The journey continues, from the desolate expanses of the Maremma province to the island of Corsica, at its northern end, in the Nebbio and Capo Corso: a summer retreat in an ancient convent of the thirteenth century to reach a certain form of bliss and industriousness. There’s a big Russian grocery store at the end of Brighton Beach, at the end of Brooklyn, off the Q subway line, by the sea. You can find caviar next to Monster Energy drinks, apples next to dill, Greek yogurt next to those with Cyrillic writing.Changing route, going to a neighborhood in which normally would never set foot and exploring there is much to discover.How different is the other New York?

SCHEDA CONTENUTO