In offerta!

DISPENSA n.10

21,00 17,85

L’espressione ‘tabula rasa’ deriva dalla tavoletta di cera anticamente usata dai Romani per scrivere. Quando ne era stato cancellato (raso) ogni segno, era completamente ripulita e pronta per essere scritta di nuovo. Noi che ci occupiamo di scrittura abbiamo sposato questa espressione a cinque anni dall’uscita del primo volume di Dispensa, perché avevamo voglia e bisogno di un cambiamento per riposare le idee. Ci siamo messi alla prova fisicamente: abbiamo camminato per oltre 100 chilometri lungo un sentiero appenninico, siamo andati a fare yoga, ci siamo rinchiusi in una clinica detox, abbiamo incontrato un respiriano e molte altre cose che leggerete di seguito. Provateci voi a fare tabula rasa, leggendo questo numero che somiglia più a un manifesto di consigli pratici. Che siete liberi di non seguire. Buona lettura.

The expression ‘tabula rasa’ comes from the wax tablet that was once used by the Romans to write. When each sign was erased (razed) it was completely cleaned and ready to be written again. We who deal with writing have married this expression five years after the release of the first volume of Dispensation, because we wanted and needed a change to rest our ideas.We tested ourselves physically: we walked for over 100 kilometers along an Apennine path, we went to yoga, we locked ourselves in a detox clinic, we met a breath and many other things that you will read below. Try to make a clean slate, reading this issue that looks more like a manifesto of practical advice. That you are free not to follow. Enjoy reading.

Esaurito

Categorie: , Tag: , ,

Dispensa è il bookmagazine italiano dedicato agli amanti del cibo e dell’universo che gli gira intorno. Un giornale indipendente e sostenibile, fatto di carta ottenuta dalla lavorazione degli scarti alimentari, da leggere senza fretta e collezionare un numero dopo l’altro. In questo numero abbiamo fatto tabula rasa, provateci anche voi seguendo i nostri consigli.

Dispensa is the Italian bookmagazine entirely dedicated to foodies and the culinarian world. An eco-friendly volume made from food processing residues, whose pages deserve time and devotion. In this issue we have wiped the slate clean and there are lots of tips for you to try it too.

SCHEDA CONTENUTO