In offerta!

WTLF n.1

14,00 11,90

Il primo numero di Where the Leaves Fall è diviso in tre sezioni tematiche, insieme a una serie di saggi esplorativi. Il terreno sotto i nostri piedi. Attraversando il confine. Un sistema alimentare a ciclo chiuso. E i saggi: Guardiamo a come fare un letto vegetale mininvasivo, un movimento per rinaturalizzare il sé, e il concetto di confini fisici e mentali.

The first issue of Where the Leaves Fall is divided into three thematic sections, alongside a series of exploratory essays. The soil beneath our feet. Crossing the boundary. A closed loop food system. And essays: We look at how to make a keyhole permaculture vegetable bed, a movement to rewild the self, and the concept of physical and mental boundaries.

 

Disponibilità: 4 disponibili

Il nostro contatto con la natura è stato rotto. L’ambiente in cui la maggior parte di noi sono nati è principalmente mattoni e cemento. Gli animali con i quali condividiamo questo spazio sono in gran parte animali domestici o parassiti. il ragno che si arrampica sulla parete persa nel nostro territorio. Il frigorifero ronza tranquillamente in cucina, pieno di prodotti industrializzati e lavorati che si mantiene fresco. Le nostre vite, pensieri, coscienza, diventano sopraffatti e consumati dal mondo digitale che ci collega con una gamma di schermi di dimensioni diverse. La nostra meraviglia per la bellezza naturale che il nostro pianeta ci presenta è un passo rimosso dalla risoluzione dello schermo e dal dettaglio dell’immagine. Senza questo contatto come possiamo realmente capire l’impatto delle decisioni che prendiamo come cittadini e governi? Come possiamo capire veramente noi stessi come parte della natura? Where The Leaves Fall è una rivista che esplora il rapporto push-pull dell’umanità con il mondo naturale. La stampa è tradizionalmente uno dei settori più dispendiosi, e abbiamo fatto molta attenzione ad assicurarci che WTLF sia stampato nel modo più sostenibile possibile. Le dimensioni e il numero di pagine della rivista sono progettati per massimizzare l’uso dei fogli di carta la rivista è prodotta da Seacourt, che utilizza il 100% di energia rinnovabile e crea zero rifiuti da discarica. La sua tecnologia di stampa senza acqua ha risparmiato milioni di litri di acqua e ridotto i composti organici volatili del 98%. Un wormery divora felicemente i rifiuti alimentari del personale, mentre i rifiuti di carta e le lastre di stampa vengono riciclati. Nel 2017, la Commissione Europea ha conferito all’azienda il più prestigioso premio ambientale d’Europa, l’EMAS. Questa rivista è stampata come 100% carbone positivo e riciclabile, anche se ci auguriamo che i lettori potranno tenerlo e godere come parte di una collezione in crescita per gli anni a venire.
È la nostra missione, mentre pubblichiamo la rivista, che le tecniche di progettazione e produzione siano raffinate e migliorate man mano che progrediamo, ponendo domande su noi stessi. WTLF nasce da una serie di conversazioni tenute a e con Omved Gardens, a Londra. Fino a poco tempo fa, terra desolata, ferita e asfaltata, Omved è stata trasformata in un habitat ecologico con un prato di fiori selvatici, un frutteto e un orto. Attraverso la collaborazione con artisti, architetti, chef, musicisti e orticoltori, sta esplorando la natura del rapporto tra le persone e il nostro legame con l’ambiente. Facilita mostre, laboratori, concerti, cene e discussioni, creando collaborazioni intorno ai temi del cibo, della creatività e della trasformazione ecologica. Come ha detto il fisico ed ecologista Fritjof Capra: “È solo collegandoci alla natura che possiamo sapere chi siamo. Forse è anche vero dire che è solo collegandosi a noi stessi che possiamo sapere cos’è la natura. Sapere di più su noi stessi e sapere di più sulla natura sono la stessa cosa. Omved ha collaborato con il Programma Alimentare Mondiale delle Nazioni Unite su eventi per evidenziare le disparità mondiali e per parlare degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite.

Our contact with nature has been broken. The environment that most of us are born into is mainly brick and concrete. The animals that we share this space with are largely pets or pests – the spider climbing the wall lost in our territory. The fridge buzzes quietly in the kitchen, full of the industrialised and processed produce it’s keeping cool. Our lives, thoughts, consciousness, become overwhelmed and consumed by the digital world that we connect with through a range of different sized screens. Our wonder at the natural beauty our planet presents to us is one step removed by the screen resolution and detail of the image. Without that contact how can we really understand the impact of the decisions we make as people and governments? How can we even truly understand ourselves as a part of nature? Where The Leaves Fall is a magazine that explores humankind’s push-pull relationship with the natural world. Printing is traditionally one of the most wasteful industries, and we’ve taken great care to make sure that WTLF is printed in the most sustainable way possible. The size and page count of the magazine are designed to maximise the use of the paper sheets the magazine is produced from. The magazine is printed in the UK by Seacourt, which uses 100% renewable energy and creates zero waste to landfill. Its waterless printing technology has saved millions of litres of water and reduced volatile organic compounds by 98%. A wormery happily munches through staff food waste, while paper waste and print plates are recycled. In 2017, the European Commission awarded the company an EMAS – Europe’s most prestigious environmental award. This magazine is printed as 100% carbon positive and recyclable, although we hope readers will keep it and enjoy it as part of a growing collection for years to come. It is our mission, as we publish the magazine, for the design and production techniques to be refined and improved as we progress, asking questions of ourselves. WTLF is born out of and informed by a series of conversations held at and with OmVed Gardens, in London, UK. Until recently a wounded and tarmacked wasteland, OmVed has been transformed into a diverse eco habitat with a wild flower meadow, an orchard and a vegetable garden. Through collaboration with artists, architects, chefs, musicians and horticulturalists, it is exploring the nature of the relationship between people and our connection to the environment. It facilitates exhibitions, workshops, concerts, dinners and discussions, creating collaborations around the topics of food, creativity and ecological transformation. As physicist and ecologist Fritjof Capra said: “It is only by connecting to nature that we can know who we are.” Maybe it is also true to say that it is only by connecting to ourselves that we can know what nature is. Knowing more about ourselves and knowing more about nature are one and the same thing. OmVed has partnered with the UN World Food Program on events to highlight worldwide disparities and to speak about the UN Sustainable Development Goals.

SCHEDA CONTENUTO